Tag

Taccio, perche’ scavarmi in bocca e con le labbra ti costi il sangue di cui sono goloso.

Immobile ti tengo, stringendoti i fianchi e i seni, per spingerti alla ribellione di cui sono affamato.

E rido, sbattendo in petto e ingoiando il ferro, perche’ nulla resti dei nostri corpi al termine della battaglia.

C’e’ uno spirito che evapora con ogni mio sospiro. Sale al soffitto, s’inchina al vento e veglia il sonno tuo, aspettando che arrivi il mattino.

Annunci